L’ANTIFASCISMO è UNA QUESTIONE DI PIACERE

Sabato 14 Aprile, Cascina Autogestita Torchiera Senzacqua:

afrodisiaci!

All'interno delle iniziative della giornata, Wendy vi propone un pranzetto afrodisiaco: spezie e cioccolata a volontà…perchè l'antifascismo è una questione di piacere!

Gira da settimane la notizia che in viale Certosa al 311 stia aprendo un circolo di estrema destra,sulle ceneri della Skinhouse di Milano e sull'onda di casa Pound a Roma.Come se già la cosa non fosse abbastanza grave, per chi non fosse pratico

di Milano, davanti a viale Certosa 311 c'è la Cascina Autogestita Torchiera.

 Nei giorni di Pasqua a Milano ci sono state una serie di incursioni:scritte, svastiche, insulti in viale Jenner vicino alla moschea, ancora porcherie omofobe sulla libreria Babiele, storica gay. 
Poi mercoledì notte cuore nero (così avrebbe dovuto chiamarsi il circolo)va a fuoco:incendio doloso, nessuna rivendicazione me tanti tantidanni.Il giorno dopo c'è una conferenza stampa che urla al terrorismo comunista e potete ben immaginare i toni… 
Sabato i camerata faranno un presidio davanti al posto bruciato, hanno fattola chiamata alle armi, grande adunata…il peggio del peggio tutto assieme. 

Fortunatamente Torchiera ha un grande cuore, rosso(!!!),e mette sul piatto intelligenze:

in questi giorni si sono susseguite assemblee, momenti di

riflessione,controinformazione.

Sabato in Cascina ci sarà una festa:

cibo,incontri, musica, teatro, giocoleria…

per ricordare a tutti chi è che vive e fa vivere quel quartiere da 15 anni e ha l'agibilità politica per farlo, per contrapporsi a un esercito di rasati orridi, il peggio che la bella penisola abbia prodotto, facendolo in modo comunicativo e divertente,così che la merda sia ancora più evidente.
 Wendy ha voluto metterci un pezzettino, parlando la lingua che le appartiene: quella pink legata al piacere,contrapponendo la goduria ed un cuore fuxia allo scempio nero!
 
 
 
Afrodisiaci_antifascisti

La mela: simbolo del peccato originale, metafora del desiderio e nutrimento perfetto, gustoso e salutare. La frutta racchiude tutti i principi fondamentali per trasformare ogni alimento in un cibo in grado di stuzzicare i sensi e predisporli al piacere.
Tutta la frutta puo' diventare la base essenziale per sublimi piatti afrodisiaci, ma l'effetto si accresce se all'alimento si aggiunge anche il fascino dell'esotico.
Percio' se ne avete la possibilita', assaggiate cocco, maracuja, avocado e frutti della passione…

Oltre alla frutta, sono numerosissime le spezie e gli alimenti di comprovato effetto afrodisiaco che oggi sono facilmente reperibili al mercato, al supermercato, in erboristeria o nei negozi di alimenti macrobiotici. Tutti questi alimenti vanno però cucinati e presentati nel modo più adeguato possibile, così da risvegliare i sensi anche del partner più pigro.

Il peperoncino: questa spezia, grazie ai suoi principi attivi, al suo sapore, al suo colore e alle sue mille qualità, e' senz'altro una delle piante più adatte a stimolare in noi il desiderio sessuale e a metterci in grado di soddisfarlo.
Lucido e brillante, il sapore aggressivo, ha sicuramente in sé una' attrattiva di tipo sessuale. A questo si aggiunga la grande quantità di vitamina "E" che contiene, la vitamina della fecondità e della potenza sessuale, ed il suo colore caldo, il rosso, lo stesso colore del sangue.
Efficacia scientifica
Secondo una ricerca inglese, esiste un'ormone, il VIP (vasoactive intestinal polypeptide) implicato nella chiusura delle comunicazioni arterovenose, fenomeno all'origine della tumescenza dei tessuti erettili: in altre parole, è forse il VIP che provoca l'erezione nell'uomo e gli analoghi fenomeni nella donna. Quando l'organismo aumenta la sua produzione di VIP, il risultato è una dilatazione dei vasi periferici (si diventa rossi in faccia), la circolazione del sangue ed i battiti cardiaci aumentano così come aumenta la frequenza del respiro.
Insomma, pepe e peperoncino provocano la vasodilatazione nella zona lombosacrale che comprende anche gli organi genitali, tutte reazioni collegate all'eccitazione sessuale, ma anche reazioni provocate da cibi piccanti.


Bivalvi, i pesci, i crostacei: contengono zinco e fosforo.
La cioccolata: al centro dei rituali aztechi (Montezuma ne beveva una tazza prima di recarsi negli appartamenti delle donne) contiene feniletilamina, la sostanza che il cervello produce quando ci innamoriamo e che è presente anche nel formaggio.


Il mais: è alimento privo di serotonina, sostanza inibitrice della sessualità.
.
Il tartufo: contiene l'androstendiolo, ormone presente anche nel maiale maschio e nel sudore umano. Anche se è un prodotto abbastanza caro, in Italia si trova con molta facilità.


Coriandolo: i suoi semi seccati hanno degli effetti euforici, specialmente nelle donne. Viene utilizzato in infusione nel vino. Tuttavia si raccomanda agli uomini di non abusare della sostanza, per evitare effetti opposti. Anche questo è disponibile in erboristeria o al supermercato.


Gelsomino: questo delizioso fiore viene coltivato in tutto il mondo ed in Spagna viene utilizzato per profumare liquori. Attenzione: i semi di gelsomino sono velenosi. Si può cogliere fresco dalla pianta che fiorisce in primavera ed estate.
Ginger: è utilizzato in bevande destinate ad eccitare i sensi. Assunto in dosi ragionevoli, causa degli impeti salutari ; in dosi eccessive irrita l'intestino. Disponibile nelle erboristerie.

 

Noce moscata: non particolarmente efficace per le donne, ha la reputazione di essere la migliore alleata dell'uomo. Proviene dall'isola di Banda, Indonesia. Al supermercato e in erboristeria.


Origano: in infusione è un buon agente eccitante. Diffusissimo in tutta Italia, è molto economico.

La cioccolata: viene spesso associato all’innamoramento e alla sensualità, perché racchiude nella sua bontà qualcosa d'inafferrabile e d’incantatore.
Tra le sostanze contenute nel cacao, segnaliamo la teobromina alla quale già nel '700 era riconosciuta una blanda attività farmacologia. La sua azione influenzerebbe sopratutto il sistema nervoso centrale dove agirebbe come stimolante, aumentando energia, prontezza di riflessi, concentrazione e desiderio sessuale, qualità ricollegabili all’effetto “buonumore”.
Recenti studi scientifici hanno poi riscontrato nella cioccolata la presenza in piccole dosi della “feniletilamina”, molecola prodotta naturalmente dall'organismo durante l'innamoramento. La sua attività avrebbe come principale effetto il rilascio di “dopamina”, neurotrasmettitore legato alle sensazioni di piacere che soddisfano stimoli come fame, sete e pulsione erotica.


Pepe di Cayenna: contiene una grande quantità di vitamina C. È un'agente eccitante che stimola la circolazione. Il piccolo chili rosso o verde messicano, possiede le stesse qualità. Economico e diffusissimo, si trova al supermercato.


Rafano: la polpa ha proprietà afrodisiache. Usata soprattutto dai giapponesi che ne usano la salsa per accompagnare sushi e sashimi, in Italia si trova nelle erboristerie e nei negozi di cucina orientale.


Sedano: il sedano contiene le vitamine A, C, B, P e minerali. È eccellente per i muscoli ed aiuta la liquefazione del sangue; riduce inoltre il livello di colesterolo ed aiuta a mantenere le arterie pulite. Gli antichi Romani dedicavano il sedano al dio Plutone, dio del sesso e dell'inferno. Si trova al mercato in tutte le stagioni.


Senape: stimola l'azione delle ghiandole sessuali. Esistono tre qualità di senape: nera, bianca e gialla, proveniente dall'India. La senape bianca ha conosciuto un notevole successo nel MedioEvo. Disponibile in salsa o in bacche, al supermercato.
Timo: tonico nervoso con effetti afrodisiaci. È anche un buon purificatore del corpo. Si trova in erboristeria.


Vaniglia: possiede effetti euforici e può essere consumata a volontà. Combatte l'astenia sessuale, agendo sul sistema nervoso centrale e, per mezzo del suo odore, agisce indirettamente come stimolante sessuale. Si può acquistare in erboristeria e al supermercato.


Zafferano: possiede proprietà stimolanti delle zone erogene. Alcuni studi hanno provato che ha effetti similari a quelli degli ormoni. Attenzione: dosi eccessive provocano risa incontrollabili. Si trova al supermercato ed in erboristeria; è piuttosto caro
.

This entry was posted in WENDY IN ACTION. Bookmark the permalink.

1 Response to L’ANTIFASCISMO è UNA QUESTIONE DI PIACERE

  1. Pingback: Esercizi di laicità & so on – Femminismo a Sud

Comments are closed.